Il “caso Italia” 2023: vale oltre 9 miliardi € lo spreco di cibo in Italia. La nuova indagine Waste Watcher racconta anche i consumi degli italiani.

Scende lo spreco nelle case italiane, è la risposta dei cittadini all’inflazione: nel 2022, anno di ripresa post pandemia. abbiamo gettato 75 grammi di cibo al giorno, quindi 524,1 g settimanali ovvero -12% rispetto all’indagine di un anno fa. Sprechiamo 3,4 grammi di frutta al giorno e 2,3 di pane: in un anno poco piu’ e poco meno di 1 kg pro capite. Nella hit nefasta degli sprechi anche insalata, verdure, aglio e cipolle. Vale 6,48 miliardi € lo spreco del cibo nelle case e oltre 9 miliardi € lo spreco di filiera, dai campi alle case..

Misurati nelle abitudini di acquisto, focalizzati sulla prevenzione degli sprechi anche come risposta allo scatto inflattivo, attenti alla qualità di quello che si porta in tavola e a non sacrificare la cura della propria salute. Disponibili a tagliare i consumi per ridurre le bollette dell’energia elettrica e del gas, o per le spese di abbigliamento. Questa la “fotografia” degli italiani sulla base del report “Il caso Italia” 2023 di Waste Watcher International Observatory on Food and Sustainability, diffuso in occasione della 10^ Giornata nazionale di Prevenzione dello spreco alimentare, per iniziativa della campagna Spreco Zero di Last Minute Market e dell’Università di Bologna, su monitoraggio Ipsos. Un’indagine che, dopo due anni di covid, non manca di far sentire il peso e l’onda lunga della pandemia sulle abitudini quotidiane: marcata la riduzione del consumo extra-domestico e dell’effetto “nidificazione”: per 1 italiano su 3 (33%) diminuiscono drasticamente le colazioni, pranzi e per 4 italiani su 10 anche l’abitudine dalla cena al ristorante (42%). Diventano centrali i temi relativi alla sostenibilità alimentare (36%): il 35% del panel ha aumentato il consumo di legumi e derivati vegetali a scapito della carne e delle proteine animali, mentre il 29% ha aumentato l’acquisto di prodotti a km0. E nonostante l’aumento dei prezzi al consumo, la spesa alimentare è infatti quella che diminuisce meno (18%), dietro solo alle spese mediche (11%) e di cura alla persona (17%). “Risparmio”, dunque, non è più la parola chiave nei comportamenti degli italiani, solo il 7% dichiara di metterla al primo posto nei comportamenti di acquisto: prevale piuttosto la “pragmaticità”, per 6 italiani su 10, la qualità per il restante 32%.

I nuovi dati che si riferiscono al mese di gennaio 2023 ci dicono che gettiamo in media 524,1 grammi pro capite a settimana, ovvero circa 75 grammi di cibo al giorno e 27,253 kg annui: ca il 12% in meno rispetto alla medesima indagine del 2022 (595,3 grammi settimanali). Un dato che si accentua a sud (+ 8% di spreco rispetto alla media nazionale) e per le famiglie senza figli (+ 38% rispetto alla media italiana). «Vale complessivamente 6,48 miliardi € lo spreco del cibo solo nelle nostre case, alla luce dei dati Waste Watcher di gennaio 2023 – annuncia il fondatore Spreco Zero, l’agroeconomista Andrea Segrè – L’obiettivo ONU, dimezzare lo spreco alimentare entro il 2030, non è lontano: la sfida si può vincere. Il recupero di cibo a fini solidali sta diventando una prassi consolidata – osserva ancora Andrea Segrè – ma la prevenzione inizia quando spingiamo il carrello della spesa: la scommessa si gioca soprattutto nelle nostre case e in una svolta culturale profonda e personale. Per questo le food policies, che coordinano la filiera del cibo nelle nostre città, stanno diventando riferimento centrale di buon governo». Ma c’è un dato ulteriore da aggiungere, ed è quello relativo allo spreco di filiera, fra perdite in campo e sprechi nella catena dell’industria e della distribuzione del cibo: «nel 2022 – aggiunge Luca Falasconi, coordinatore del Rapporto “Il caso Italia” 2023 – sono andate sprecate nella filiera italiana oltre 4 milioni di tonnellate di cibo (per la precisione 4.240340 tonnellate), per un valore complessivo nlla filiera italiana del cibo di € 9.301.215.981». Lo spreco del cibo di filiera pesa al 26% in agricoltura, al 28% nell’industria e all’8% nella distribuzione. I dati di filiera sono una elaborazione dell’Osservatorio Waste Watcher International con Distal, Dipartimento di Scienze e Tecnologie Agro-Alimentari dell’Università di Bologna.

E c’è un gesto e c’è un’azione concreta che possiamo tutti fare in occasione della 10^ Giornata Nazionale di Prevenzione dello spreco alimentare, in calendario domenica 5 febbraio: scaricare gratuitamente e attivare sempre gratuitamente la nuova app istituzionale Sprecometro, tutta da scoprire su sprecometro.it. È uno strumento quotidiano per vivere sostenibile, la app istituzionale sviluppata dall’Osservatorio Waste Watcher International su cibo e sostenibilità.

Articoli recenti

Un altro tassello nella lotta anti-spreco. Andera Segré

IL PUNTO

Un altro tassello nella lotta anti-spreco. Un Magazine di approfondimento per promuovere comportamenti …

Read More →
foto Sangalli

L’INTERVISTA – SANGALLI

«Ogni imprenditore che si definisce tale non può che lavorare per ridurre gli …

Read More →
L’OSSERVATORIO WASTE WATCHER

L’OSSERVATORIO WASTE WATCHER

Spreco, quell’8% in più che non ti aspetti. Nel 2024 lo spreco alimentare …

Read More →
IL CASO - FOTO 1 (2)

IL CASO 

La sostenibilità entra a scuola. E la verdura apre il pasto. Con il …

Read More →
Colorato Astratto Macchie Etichetta Orizzontale Gelato

APPLICHIAMOCI

Consumi sotto controllo con l’app intelligente. Sprecometro nasce con l’obiettivo primario di fare …

Read More →
La ricetta tagliatelle, latte di mandorla, fave, olio al trombolotto e bottarga di pane che la chef Cristina Bowerman 'regalerà' alla App Sprecometro in occasione della Giornata della Ristorazione

L’APPUNTAMENTO

18 maggio, Giornata nazionale della Ristorazione. Iniziativa ideata da Fipe per valorizzare il …

Read More →

Press Area

Torna su