7^ Giornata Nazionale di Prevenzione dello spreco alimentare: si mobilita l’Italia! Da Trento all’Aquila eventi e iniziative per promuovere la prevenzione degli sprechi. Forte l’impegno dell’Università dell’Aquila, che ha organizzato un convegno sul tema
7^ Giornata Nazionale di Prevenzione dello spreco alimentare: si mobilita l’Italia! Da Trento all’Aquila eventi e iniziative per promuovere la prevenzione degli sprechi. Forte l’impegno dell’Università dell’Aquila, che ha organizzato un convegno sul tema

7^ Giornata Nazionale di Prevenzione dello spreco alimentare: si mobilita l’Italia! Da Trento all’Aquila eventi e iniziative per promuovere la prevenzione degli sprechi. Forte l’impegno dell’Università dell’Aquila, che ha organizzato un convegno sul tema

Il 5 febbraio 2020 ha confermato l’impegno dell’Università degli Studi dell’Aquila sull’educazione al consumo di cibo. La Prof.ssa Federica Cucchiella, Referente RUS per l’educazione e l’alimentazione sostenibile, ha coordinato una giornata in cui sono stati coinvolti oltre 300 studenti di scuole primarie, medie e superiori, attraverso progetti ed iniziative alle quali hanno dato il loro contributo anche imprese del territorio e start up nazionali. Orange Fiber, Aureli, Terra Italica sono stati esempi concreti di come sia possibile avviare processi virtuosi di economia circolare che prevedano l’utilizzo di scarti o sottoprodotti dell’industria alimentare. Nel pomeriggio, per un coinvolgimento più ampio, l’Ateneo è stato presente presso uno di principali centri commerciali della città con istallazioni sul tema.  “È necessario intervenire in via preventiva per creare una coscienza etica rispetto al consumo alimentare – spiega la docente Cucchiella – Correggere l’eccesso dei consumi è comunque possibile, attraverso una maggiore consapevolezza dei rischi per la salute, per l’ambiente e per le condizioni sociali. Questo richiede un profondo cambiamento culturale tra i consumatori finali ed in particolare tra i giovani, insegnando loro sin dai primi anni, a ridare valore al cibo e sensibilizzarli al problema dello spreco alimentare. Protagonisti della giornata anche gli istituti scolastici locali con i loro progetti sull’argomento”.