Giornata Mondiale Della Terra

22 APRILE 2021, ORE 17.30. Circular Talk su canale youtube SPRECO ZERO

SVILUPPO SOSTENIBILE, L’ITALIA DEI BIO-DISTRETTI. SFIDE E PROSPETTIVE DEL POST PANDEMIA, IN ATTESA CHE L’AGRICOLTURA BIOLOGICA DIVENTI LEGGE.

Focus sui bio-distretti delle Lame (Puglia) di Amatrice Terra Viva (Lazio).

Svolta nel mondo del biologico: con la recente approvazione, nella Commissione agricoltura del Senato, del primo disegno di legge per regolamentare il settore – uno dei comparti gioiello dell’economia italiana – nuove prospettive si schiudono per gli 80mila operatori della filiera nazionale, che può contare su due milioni di ettari coltivati a biologico, pari al 15% della superficie agricola italiana, per un valore al consumo stimato in oltre 3,3 miliardi €. Spicca nel disegno normativo l’introduzione dei “Bio-distretti”, realtà già presenti in Italia da una decina d’anni, con numerose esperienze nate spesso spontaneamente dal basso e riconosciute a vario titolo dagli enti locali.

Tecnicamente, la definizione dei Bio-distretti indica aree agricole organizzate in chiave di bioproduzioni, con una filiera inclusiva non solo di agricoltori e cittadini-consumatori, ma anche delle Pubbliche Amministrazioni, di associazioni del territorio e persino di operatori turistici.

Quali prospettive potrebbe schiudere adesso l’approvazione definitiva della legge nazionale sul bio, e quale slancio potrebbe imprimere all’agricoltura italiana nella fase post-pandemica? La nuova legge Italiana, quando sarà definitivamente approvata, potrà certamente stimolare la diffusione dei Bio-distretti, fornendo supporto e strumenti finanziari e di governance per stimolarne lo sviluppo. Così come i Bio-distretti potranno giovarsi del Piano per lo sviluppo del Biologico UE, che ne sostiene e finanzia la formazione.

Se ne parlerà in occasione della Giornata mondiale della Terra, giovedì 22 aprile, con il Circular Talk promosso da Alce Nero in sinergia con la campagna pubblica di sensibilizzazione Spreco Zero, sul tema “Sviluppo sostenibile, l’Italia dei bio-distretti”. Sfide e prospettive del post-pandemia, in attesa che l’agricoltura biologica diventi legge”. Appuntamento dalle 17.30 sul canale Youtube Spreco Zero

L’incontro digitale, in streaming live, vedrà protagonisti – coordinati dall’agroeconomista Andrea Segrè, fondatore Last Minute Market e campagna Spreco Zero – Benedetto Fracchiolla, Olivicoltore e presidente Bio-distretto delle Lame, l’esperto Cesare Zanasi professore del Dipartimento di Scienze e Tecnologie Agro-Alimentari – Università di Bologna, Marco Santori, consigliere di Amatrice Terra Viva e consigliere tecnico di Alce Nero e Tommaso Perrone, giornalista e Direttore di LifeGate.

Il talk digitale svilupperà anche un focus dedicato a due realtà significative: il Bio-distretto delle Lame, innanzitutto, che include per ora i soli comuni di Ruvo di Puglia e Bitonto, pur progettando di potersi estendere dalla Murgia al mare, seguendo il corso delle “Lame” e includendo quindi anche i comuni di Corato, Terlizzi, Bisceglie, Molfetta e Giovinazzo, nel segno della diffusione di un modello partecipativo dal basso, attento allo sviluppo sostenibile e alla vocazione del territorio. Un riconoscimento è da poco arrivato dalla Regione Puglia, che ha inserito il bio-distretto delle Lame fra i sette diversi Distretti del Cibo riconosciuti della Regione Puglia.

E si parlerà anche del Bio-distretto Amatrice Terra Viva, una filiera agricola con terre seminate in biologico che valorizza la vocazione cerealicola di grano tenero/farro della regione Lazio, e quindi la tradizione gastronomica del comprensorio di Amatrice. Un progetto che insiste su un’area fortemente simbolica, quella colpita dalla sequenza sismica dell’agosto 2016: qui l’agricoltura biologica può essere risposta concreta all’esigenza di rinascita del territorio.

Articoli recenti

Schermata 2021-04-13 alle 09.11.30

Coltivare nelle città il benessere di tutti

15 aprile ore 10. Segui la diretta su Facebook Conapi e www.sapereambiente.it

Read More →
Torna su